Coro di Prinotto torna a Venaria

Un coro monastico, realizzato a Torino a metà Settecento e sparito nel nulla per due secoli, è ritornato a Venaria e sarà esposto alla Reggia dal 17 marzo, nell'ambito della mostra 'Genio e maestria'. Il suo recupero è stato realizzato dal Centro La Venaria, dove è arrivato dall'Irlanda l'11 ottobre, 200 elementi in 82 casse. Per quattro mesi undici persone hanno lavorato per ripulirlo e restaurarlo. Il coro intarsiato, realizzato dall'ebanista Luigi Prinotto con lo scultore Giuseppe Marocco e il minusiere Giacomo Filippo Degiovanni, è composto da 28 stalli disposti a U su 6,5 metri di altezza e 9 di profondità. La superficie è ricoperta da un intarsio in legni vari su un fondale di acero color oro, con 30 angioletti e 28 anfore intagliate. E' stato ritrovato nel 1840 a Nizza e acquistato da un antiquario di Roma, Fabrizio Apolloni. Per vent'anni è stato dimenticato in un deposito londinese, fino a quando il figlio Marco Fabio Apolloni non ha deciso di riportarlo in Italia.

Altre notizie

Notizie più lette

  1. Torino Oggi.it
  2. Torino Oggi.it
  3. ANSA
  4. Torino Oggi.it
  5. Torino Oggi.it

Gli appuntamenti

In città e dintorni

SCOPRI TUTTI GLI EVENTI

Montafia

FARMACIE DI TURNO

    Nel frattempo, in altre città d'Italia...